Vino e vendemmia: 5 itinerari enoturistici

Vino e vendemmia su Floralist
Ti portiamo a conoscere 5 tra gli itinerari di enoturismo più belli d'Italia. Immergiti nella magia del vino e della vendemmia. Salute!
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle Vota l'articolo!
loadingLoading...

La raccolta dell’uva è da sempre una festa del vino in molte zone d’Italia. Immaginatevi intere famiglie che si riuniscono, tanti curiosi che si avventurano tra i filari di vite, e un’atmosfera di eccitazione nell’aria. È un evento che coinvolge tutti, dal giovane al vecchio, dal connaisseur del vino all’appassionato occasionale.

Ma non c’è solo la vendemmia a farla da padrone in queste occasioni speciali. L’enoturismo, un settore in crescita che coinvolge sempre più appassionati, ha portato aziende del settore, cantine e associazioni a organizzare eventi straordinari, tour guidati tra le vigne e degustazioni di vino per tutto l’anno. Ma è durante la vendemmia che questa festa raggiunge il suo apice.

E allora, cosa c’è di meglio che esplorare alcune delle più belle regioni vinicole d’Italia durante questo periodo magico?
Ecco 5 itinerari di enoturismo che ti faranno desiderare di fare subito le valigie e partire per un weekend fuoriporta!

Indice: gli itinerari di enoturismo che ti consigliamo

Segui Floralist sui Social!

5 itinerari di enoturismo

Tra i filari di Langhe e Monferrato (Piemonte)

Dove iniziamo se non in Piemonte, una terra che ha guadagnato fama non solo per la sua cucina deliziosa, ma anche per i suoi vini prelibati?

Le colline di Langhe e Monferrato, dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2014, sono celebri per la produzione delle nocciole, la raccolta del tartufo bianco, ma soprattutto per la produzione di alcuni dei vini più famosi d’Italia. Barolo, Barbera, Barbaresco, Nebbiolo, Dolcetto d’Alba, Brachetto e Grignolino sono solo alcuni dei nomi che fanno venire l’acquolina in bocca.

La vendemmia qui è una vera e propria festa, e non è raro vedere famiglie intere coinvolte nella raccolta dell’uva. Ma non preoccupatevi, se non siete esperti vendemmiatori, c’è sempre spazio per i curiosi che vogliono unirsi alla festa. Preparatevi a immergervi nell’atmosfera unica di Langhe e Monferrato, dove il vino scorre come il Po nelle pianure circostanti.

Vino nelle Langhe

La Strada del Franciacorta (Lombardia)

Spostiamoci ora in Lombardia, dove la Strada del Franciacorta si estende da Brescia alla parte meridionale del lago d’Iseo. Questo percorso enogastronomico di circa 80 chilometri attraversa 19 comuni immersi nella tradizione vinicola lombarda.

L’unicità di questa regione risiede nella produzione del celebre Franciacorta, un vino spumante metodo classico che sta rapidamente guadagnando terreno rispetto a champagne. Puoi esplorare questa strada a piedi o in bicicletta, visitando le cantine lungo il percorso e partecipando agli eventi del Festival Franciacorta in cantina, che si tiene il 16-17 settembre 2023.

Preparati a sollevare il bicchiere e brindare a questa straordinaria regione vinicola!

Vino di Franciacorta

Fabio Ingrosso from Italy, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

I vigneti delle Cinque Terre affacciati sul mare (Liguria)

Spostiamoci verso la costa, ma non perdiamo di vista le vigne. La Liguria è la patria dei vigneti tra i più scenografici e spettacolari del mondo, da cui nasce soprattutto il vino Sciacchetrà. La posizione di questi vigneti, situati su ripidi terrazzamenti di fronte al mare, li rende unici e affascinanti.

La vendemmia in questa regione è quasi un’impresa eroica. Le viti sono così basse che i vendemmiatori devono spesso lavorare inginocchiati. Solo di recente sono stati introdotti trenini che portano a valle i contenitori con l’uva, sostituendo la faticosa salita e discesa per migliaia di scalini.

Ma l’arduo lavoro è premiato dai vini eccezionali che emergono da questi vigneti unici. Un bicchiere di Sciacchetrà con vista sul mare è un’esperienza che rimarrà impressa nella vostra memoria per sempre.

Vino nelle Cinque Terre

Bruno Rijsman, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Le dolci colline di Chianti e Val D’Orcia (Toscana)

Non possiamo parlare di vino e vendemmie senza fare una sosta in Toscana. Questa regione è famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e ha ispirato persino il cantante Sting, proprietario di una tenuta agrituristica vicino a Firenze chiamata “Il Palagio”, dove produce e vende vino oltre a offrire ospitalità.

Le dolci colline di Chianti e Val D’Orcia sono un paradiso per gli amanti del vino, con due dei vini più famosi del mondo: il Brunello e il Chianti. Qui, la vendemmia è un rituale che celebra la tradizione e la passione per il vino. Tra cipressi e borghi medievali, la Toscana è il luogo ideale per degustare vini prelibati e godersi una vista spettacolare.

Vino nel Chianti

Justraveling.com, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La vendemmia notturna di Donnafugata (Sicilia)

“È una luna da vigna. Da bambino credevo che i grappoli d’uva li faccia e li maturi la luna. Non so, – disse l’amico. – Per me è sempre la stessa. Ora il brivido mi aveva lasciato e la luna col suo sapore di vendemmia ci guardava entrambi come una creatura che conoscevo e ritrovavo. ”

Queste bellissime parole di Cesare Pavese, da “Feria d’agosto – Il tempo”, ci introducono a una delle vendemmie più particolari che avvengono in Italia. A Donnafugata, in Sicilia, è celebre la vendemmia notturna, un’esperienza magica che preserva la fragranza e le caratteristiche aromatiche dei vitigni, messi a dura prova dal caldo estivo.

Questa regione è un connubio di tradizione e innovazione, dove antiche tecniche si fondono con metodi moderni per produrre vini di alta qualità. La vendemmia notturna è un’espressione di questa dedizione alla qualità, e potete unirvi a questa festa sotto le stelle mentre il profumo dell’uva appena raccolta riempie l’aria.

Il vino e la vendemmia nell’antichità

Mentre esplorate queste meravigliose regioni vinicole italiane, è interessante notare che la vendemmia e la produzione del vino sono state da sempre una testimonianza di un’attività sociale che coinvolgeva intere comunità. Nell’antichità, i popoli ringraziavano gli dèi con cerimonie religiose per i frutti della terra come l’uva. Nell’antica Roma, ad esempio, ad agosto si svolgeva una festa in onore di Giove chiamata “Vinalia Rustica“, per celebrare proprio l’inizio della vendemmia.

Curiosità: cosa significa "bouquet fiorito"?

Chiudiamo con una curiosità: cosa significa “bouquet fiorito”, che sentiamo spesso citare quando parliamo di vino? Cosa c’entrano i fiori…?

Il termine “bouquet fiorito” nel contesto del vino si riferisce a un aroma complesso e piacevole che ricorda i profumi dei fiori. Questo aroma può includere note floreali come fiori bianchi, gelsomino, rosa o lavanda.

Il bouquet fiorito è spesso considerato un attributo positivo nei vini, specialmente nei vini bianchi e nei vini frizzanti, poiché contribuisce alla complessità aromatica complessiva e può rendere il vino più invitante e piacevole al naso.

L’aroma di bouquet fiorito può derivare da vari composti chimici presenti nel vino, che sono responsabili di molte delle note floreali. Questi aromi possono essere influenzati dalla varietà d’uva utilizzata, dal terroir (il luogo in cui crescono le viti), dalla tecnica di vinificazione e dall’invecchiamento del vino.

Un bouquet fiorito ben sviluppato è spesso considerato un segno di qualità in molti vini, soprattutto quelli destinati a essere apprezzati per il loro profumo complesso e la loro eleganza.

Quindi, che la tua sia passione vera o semplice curiosità, l’enoturismo in Italia offre esperienze straordinarie per tutti. Durante la vendemmia, le vigne si animano di attività frenetiche e le cantine si riempiono di risate e allegria.

Quindi, cosa aspetti? Pianifica il tuo weekend fuoriporta in una di queste straordinarie destinazioni vinicole italiane e immergiti nella magia della vendemmia.
Salute!

Pollice verde

La vite è una pianta rampicante tra le più resistenti e adattabili che esistano, come dimostrano le tracce fossili di vite selvatica (Vitis silvestris) che risalgono a 60 milioni di anni fa.
Questa pianta sviluppa radici fino a 6 metri di profondità, resiste a gelate e ai climi più difficili, e si arrampica su sostegni di legno o cemento, ma anche intorno ad alberi, soprattutto all’olmo. I latini dicevano che “la vite è maritata all’olmo“, dimostrando la stretta relazione tra queste due piante.

L’Italia è uno dei paesi con il maggior numero di vitigni autoctoni, con varietà da vino e varietà da tavola che contribuiscono alla ricca tradizione vinicola del paese.

Abbiamo parlato di

  • Vite, Vitis vinifera

Foto di apertura di Jindra Jindrich da Pixabay 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *