Ricette con le rose e altre curiosità

Ricette con le rose: tazza di the con rosa arancione
Dalle ricette con le rose, come la “Persian Love Cake”, all’olio essenziale, elisir di bellezza. Viaggio tra sapori e profumi floreali che vengono da lontano.

Le rose hanno da sempre ispirato poeti, artisti e amanti del giardino. Ma sapevi che ci sono tante ricette con le rose che danno vita a deliziosi piatti, sorprendentemente creativi?

Sì, hai capito bene! Ad esempio, oggi ti presentiamo la ricetta della “Persian Love Cake” nella versione della Scuola di Cucina e Pasticceria Chef Gourmet, amica di Floralist, e tante altre curiosità.

Buona lettura!

Indice: ricette con le rose e altre curiosità

Segui Floralist sui Social!

La rosa in cucina: una storia che viene da lontano

Il nostro racconto delle ricette con le rose inizia millenni fa.
In molte culture, le rose sono state infatti utilizzate come ingrediente in cucina per i loro aromi distintivi e le proprietà aromatiche.

Già nella Roma antica le bacche della rosa canina venivano ad esempio utilizzate per aromatizzare il vino rosso.

Nella cucina mediorientale, come quella persiana di un tempo e in quella libanese di oggi, la rosa è un ingrediente fondamentale nella preparazione di infusi, dolci tradizionali e conserve.

Tra le ricette con le rose, celebre, ad esempio, la marmellata ai petali di rosa canina chiamata “Vartanush”: è una specialità dell’Armenia, prodotta ancora oggi nell’Isola di San Lazzaro, a Venezia, dai monaci dell’Ordine Mechitarista armeno che coltivano specie di rose, anche molto rare, nei giardini del loro convento.

Giardino con le rose con fontana

Oppure, sempre dal Nord Africa e dal Medio Oriente, viene una rivisitazione alla rosa della “Harissa” (salsa a base di paprika, cumino, peperoncino e aglio), molto amata da uno degli chef stellati più famosi del momento, Yotam Ottolenghi: utilizzata per condire secondi di carne e pesce, zuppe e verdure grigliate, con l’aggiunta dell’essenza di rosa acquista una fragranza floreale più delicata e sofisticata.

L’utilizzo della rosa (soprattutto le varietà antiche e profumate come la damascena, la gallica, la centifolia), grazie agli scambi commerciali con l’Oriente, arrivò anche in Italia, e non è un caso che città marinare di un tempo, come Genova, abbiano una tradizione culinaria ricca di ricette con le rose; famoso ad esempio è lo sciroppo alle rose della Valle Scrivia, nell’entroterra genovese, da qualche anno presidio Slow Food: viene utilizzato per preparare bibite e cocktail, per aromatizzare gelati e sorbetti, budini, macedonie, dolci, per arricchire di sapori risotti e secondi di carne.

Ricette con le rose: la torta persiana dell’amore

La leggenda narra di una giovane che creò questa torta per conquistare un Principe, sarà vero?

Di vero c’è che la “Persian Love Cake” è una torta che, con i suoi profumi, ci riporta subito alle atmosfere da Mille e una Notte…
Tra le ricette con le rose, abbiamo deciso di dedicarti questa!

Ingredienti

Per la torta

  • 6 uova intere
  • 200 g di zucchero
  • 160 g di farina
  • 100 g di farina di mandorle
  • Mezza bustina di lievito per dolci istantaneo
  • 250 g di yogurt intero
  • 1 bustina di zafferano in polvere
  • 3 bacche di cardamomo verde
  • 2 cucchiai di latte

Per lo sciroppo alla rosa

  • 1 arancia (succo e scorza)
  • 10 g acqua di rose
  • 100 g di acqua
  • 2 cucchiai di zucchero

Per decorare

  • Una manciata di petali di rosa eduli
  • 50 g di pistacchi sgusciati non salati

Procedimento

1 Monta con una frusta elettrica o con la planetaria le uova a temperatura ambiente e aggiungi poco alla volta lo zucchero, fino a che il tutto non risulti ben spumoso. Poi unisci con una spatola morbida alle uova lo yogurt un po’ per volta, mescolando dal basso verso l’alto.

2 Scalda a 65° il latte e metti in infusione le bacche di cardamomo e lo zafferano per qualche minuto. Filtra e metti da parte.

3 Setaccia insieme la farina e il lievito. Uniscili in 3 volte alla massa di uovo, mescolando dal basso verso l’alto senza smontare il composto. Unisci poi la farina di mandorle. Ad ultimo il latte aromatizzato facendo sempre attenzione a non smontare il composto.

4 Versa l’impasto in una teglia da 28 cm, imburrata e infarinata. Preriscalda il forno a 200°, inforna e abbassa la temperatura a 180° per circa 30-40 minuti, fino a che non risulterà cotta, facendo la prova stecchino.

5 Nel frattempo, prepara lo sciroppo alla rosa portando a bollore l’acqua con il succo dell’arancia, la scorza intera e lo zucchero. Fai freddare e aggiungi l’acqua di rose, poi filtra.

6 Sforna la torta e falla freddare su di una gratella per dolci. Bagnala con lo sciroppo, quanto basta per inumidirla, infine decorala con pistacchi interi e petali di rosa eduli.

Torta con le rose

L’olio essenziale di rosa della Bulgaria

Non solo ricette con le rose, oggi su Floralist!
Ti raccontiamo anche alcune curiosità sull’olio essenziale di rosa, di cui la Bulgaria (insieme a Marocco, Iran e Turchia) è il principale produttore al mondo.

Anche in questo caso le rose più utilizzate sono quelle antiche, le varietà damascena e centifolia in particolare, impiegate soprattutto per le loro proprietà antinfiammatorie e nutritive della pelle.

In Bulgaria c’è un luogo molto famoso, la Valle delle Rose, tra le città di Karlovo e di Kazanlăk, dove viene effettuata una coltivazione estensiva di rose (in particolar modo della varietà damascena), molto profumate, impiegate per realizzare l’olio usato nell’industria profumiera.

Il processo di lavorazione è ancora quello dei tempi dell’Impero Ottomano: le rose, coltivate all’aperto, vengono raccolte a mano in ceste di vimini tra maggio e giugno, poi inviate alle distillerie che estraggono gli oli essenziali.

Cestino di vimini con le rose

Pensa che occorrono tonnellate di rose per produrre un solo chilo di olio! Per certi versi, è un’attività con un grande impatto ambientale, possiamo anche considerarla non molto “green”, ma in Bulgaria è anche una festa di profumi e tradizioni, che culmina nel “Festival della Rosa” di Kazanlak, che dura tre settimane e termina la prima domenica di giugno, con la parata nei costumi tipici per le vie della città e l’elezione della “regina delle rose”.

In conclusione, le rose non sono solo fiori da coltivare nei nostri giardini o che impreziosiscono le nostre composizioni floreali.
Sono anche tesori che ci riportano a mondi e profumi lontani, che diventano elisir di bellezza e ingredienti segreti in grado di aggiungere un tocco di sofisticato sapore ai nostri piatti.

Se ti è piaciuto il nostro racconto sulle ricette con le rose, ci fa piacere se ci lasci un voto, un commento o se condividi questo articolo. Grazie!

Foto di apertura di beasternchen da Pixabay
Le foto della ricetta con la rosa è puramente indicativa.

foto giulia chef gourmet

Questo articolo è stato curato in collaborazione con un’amica di Floralist:
Giulia Steffanina è la resident chef e direttrice della scuola di cucina e pasticceria Chef Gourmet, sita a Roma. La scuola offre corsi professionali ed amatoriali, corsi per bambini, cooking party privati e di Team Building aziendali.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle Vota l'articolo!
loadingLoading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *