La Regina Elisabetta e le sue piante

Regina Elisabetta su Floralist: i Chelsea Flower Show
Scopri con Floralist le curiosità sulla passione per il giardinaggio della Regina Elisabetta e della famiglia reale inglese. God save the flowers!

La Regina Elisabetta era appassionata di giardinaggio e si dilettava nella cura delle piante delle sue residenze reali, nonostante di sé dicesse sempre di non essere un’esperta giardiniera.
Questa passione è sempre stata comune a tutta la famiglia reale inglese e ha influenzato anche mode e consuetudini. 

Ne parliamo su Floralist!

Indice: i Windsor e il giardinaggio

Segui Floralist sui Social!

Avere sempre i fiori in testa…

È noto che i cappelli, per i reali di tutto il mondo, siano un elemento imprescindibile del dress code. Il protocollo, infatti, non vede di buon occhio che le appartenenti delle famiglie reali, nelle occasioni più formali, si mostrino con i capelli al vento.

La Regina Elisabetta è stata celebrata anche per i suoi outfit coloratissimi e sempre super colorati, dove i cappelli (è stato calcolato che ne abbia indossati circa 5.000!) erano sempre coordinati e, spesso, arricchiti da grandi fiori in tinta.

Regina Elisabetta e i suoi cappelli

I cappelli con i fiori della Regina Elisabetta
NASA/Bill Ingalls, Public domain, via Wikimedia Commons

Questa passione per fiori e piante, che ritroviamo anche i molti dei suoi favolosi gioielli, la Regina Elisabetta l’aveva probabilmente ereditata da sua madre, la Regina Madre.

Donna forte e volitiva, famosa per essere stata sempre in prima linea a Londra, durante la Seconda Guerra Mondiale, Elizabeth Bowes-Lyon aveva una grande passione per le rose e le camelie, che coltivava personalmente nella sua residenza privata di Clarence House.
Anche lei, nelle uscite pubbliche, amava osare con gli abbinamenti cromatici e con gli elementi sempre vivaci dei suoi look. Celebre questo scatto del 1970, in cui al vestito verde brillante che richiamava un prato, abbinò un copricapo rotondo, a mo’ di corona, realizzato con piccole margherite di seta. Di certo non passò inosservata!

Regina Elisabetta e Regina Madre

La Regina Madre Elizabeth Bowes-Lyon
CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

In tempi recenti, anche le nuore di Re Carlo III, l’impeccabile Kate Middleton e la ribelle Meghan Markle hanno saputo continuare la tradizione dei cappelli (anche con richiami floreali), rinnovandola in chiave più moderna.

La passione della Regina Elisabetta per il giardinaggio

La dedizione della Regina Elisabetta era talmente sentita che per tutta la durata del suo lunghissimo regno, insieme al marito Filippo, piantò personalmente più di 1.500 alberi per celebrare gli avvenimenti più importanti.

Era inoltre dedita alla coltivazione, nei giardini di Buckingham Palace, dove amava passeggiare con i suoi amati cani Corgi, delle erbe odorose impiegate per la produzione del gin ufficiale dei Windsor, ed era solita ricevere, ogni lunedì mattina, un mazzo di fiori recisi dai giardinieri reali.

Gli eventi floreali di Elisabetta II

C’erano poi i numerosi e rinomati eventi mondani legati al giardinaggio. I Garden Party estivi nei giardini di Buckingham Palace, cui ogni anno vengono invitati ospiti esclusivi che si sono distinti in opere a favore della collettività, vedevano sempre la presenza della Regina Elisabetta, con cui si poteva prendere una tazza del celebre the inglese.

“Her Majesty” era anche la madrina del Royal Horticultural Society, una delle più famose organizzazioni mondiali ad occuparsi di orticultura ed esposizioni floreali, tra cui il celeberrimo e ultracentenario Chelsea Flower Show, l’esposizione floreale più grande della Gran Bretagna.
Oggi questo evento ha una nuova e giovane madrina, che ha preso idealmente il testimone dalla Regina Elisabetta: parliamo della Principessa Kate, che nel 2019 ha tenuto a battesimo l’inaugurazione di un giardino per i bambini, all’interno dell’esposizione, disegnato e progettato da lei con alcuni celebri architetti del verde inglesi.

Ma la passione per la natura non è solo appannaggio delle donne reali di casa Windsor. Anche Re Carlo III, fondatore del Prince’s Trust, che promuove il giardinaggio e la conservazione dell’ambiente, è da sempre un sincero difensore delle cause ambientali, nonché appassionato di botanica e di giardini sostenibili al punto che nel 2009 gli fu conferita la più importante onorificenza in questo campo, la The Royal Horticultural Society’s Victoria Medal of Honour.

I fiori della Regina

Molti i fiori che sono stati dedicati alla Regina Elisabetta. Dalla Clematis montana var. rubens ‘Elizabeth’, alla Camellia japonica ‘Her Majesty Queen Elizabeth II’, dal Rhododendron ‘Queen Elizabeth II’ ai due fiori introdotti nel 2012 in occasione del Giubileo di Diamante per i 60 anni di regno della Regina, la Rosa The Queen’s Jubilee Rose e il Narcissus ‘Diamond Jubilee’

Ma più di tutti svetta la rosa ‘Queen Elizabeth’, introdotta nel 1954 (l’anno dopo la sua incoronazione ufficiale), che si presenta con grappoli di grandi fiori rosa carminio molto profumati.

Regina Elisabetta: la rosa ‘Queen Elizabeth’

Rosa ‘Queen Elizabeth’
Captain-tucker, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

La Regina Elisabetta non è l’unica appartenente alla Famiglia Reale cui siano stati dedicati fiori. Alla amatissima Lady Diana fu dedicata la Dahlia ‘Diana’s Memory’, una varietà di dalia dai colori delicati (se ti va di approfondire la conoscenza di questo splendido fiore autunnale, leggi il nostro speciale).

dalia

Dahlia ‘Diana’s Memory’

Anche a Kate e Meghan sono stati dedicati due fiori, due clematidi: la Clematis ‘Princess Kate’, color rosa pallido con interno color porpora e la Clematis ‘Meghan’, con i fiori di un bel viola acceso.

Regina Elisabetta: Clematis ‘Princess Kate’

Clematis ‘Princess Kate’

Regina Elisabetta: Clematis ‘Meghan’

Clematis ‘Meghan’

I giardini più amati dalla Regina Elisabetta

Tanti sono i giardini delle residenze reali inglesi aperti al pubblico in determinati periodi dell’anno che è possibile visitare. Tra questi, i più amati dalla Regina Elisabetta sono stati sicuramente:

  • il celeberrimo parco di Buckingham Palace, con i suoi 15 ettari di estensione e il laghetto centrale, rifugio per la nidificazione di molte specie di uccelli, è un esempio di ricchezza e biodiversità vegetale
  • il giardino della dimora di Balmoral, in Scozia, dove la sovrana amava rifugiarsi e dove ha vissuto i suoi ultimi giorni.
    Qui, nei 20 mila ettari della tenuta, tra serre, giardini d’inverno e il giardino acquatico, Elisabetta trascorreva il periodo estivo circondata dalla sua famiglia
Regina Elisabetta: il castello di Balmoral

Foto di apertura del Chelsea Flower Show del 2014 di muffinn, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

In conclusione, la Regina Elisabetta II è stata molto di più di una sovrana. È stata una fashion icon, una giardiniera appassionata e un membro di una famiglia reale che ha una lunga tradizione di amore per la natura e i fiori.

Il suo stile floreale è stato un riflesso della sua connessione con la bellezza della natura e i giardini delle residenze reali sono testimonianza di una passione condivisa con la famiglia reale inglese.
Quindi, la prossima volta che ti capiterà di rivedere immagini dalla Regina Elisabetta con outfit floreali, come quella del nostro racconto, ricordati che dietro quel look c’era una vera regina del giardinaggio!

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 Media dei voti: 5,00 su 5)
loadingLoading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *