Carte da parati floreali, 3 stili diversi

Dettaglio di carte da parati Morris&Co.
Le carte da parati sono tornate di moda e quelle floreali sono tra le più amate. Possiamo sceglierle secondo stili e gusti diversi, te ne proponiamo tre.
Dopo anni di oblio, le carte da parati sono tornate in auge e ormai non c’è rivista o sito che si occupi di arredamento che non le metta in bella mostra nelle varie ambientazioni di home décor. Questo è reso possibile anche dall’innovazione dei materiali e delle tecniche di produzione: alle più classiche carte in tessuto-non-tessuto si sono aggiunte nuove realizzazioni in vinile, fibra di vetro e lamine metalliche; inoltre, oggi le carte vengono prodotte anche con tecniche digitali ad alta risoluzione e sono altamente resistenti, personalizzabili, facilmente applicabili e adattabili a tutti gli ambienti di casa.

Indice: le carte da parati floreali

Segui Floralist sui Social!

Le carte floreali, che passione!

Tra le carte, le più amate restano le carte floreali, di gran tendenza in tutte le loro declinazioni perché aiutano a dare carattere e connotare con più forza lo stile di arredamento scelto.

Noi di Floralist abbiamo scelto questi tre stili floreali diversi, ne parliamo insieme.

Carte da parati in stile “Chinoiserie”

La passione per l’Oriente dilagò in Europa tra il XVIII e il XIX secolo, quando i mercanti e i ricchi viaggiatori si innamorarono di porcellane, sete e tessuti, pannelli finemente dipinti.

Si diffuse così la passione per questo stile lontano che riempì le ricche dimore di atmosfere esotiche fatte di giardini pieni di uccelli, fiori di loto, rami di ciliegio, peonie e magnolie.
Oggi le carte da parati di ispirazione orientale si presentano spesso con paesaggi delicati ed ariosi, che meglio si adattano a pareti grandi e ad uno stile di arredamento minimale.

Vengono realizzate anche su seta dipinta a mano o su carta Xuan, la celebre carta cinese il cui millenario processo di fabbricazione è stato dichiarato patrimonio culturale immateriale mondiale dell’UNESCO dal 2009.

Carte da parati "Chinoiserie"

Carte da parati in stile “Tropical Jungle”

Anche lo stile tropicale è figlio di una passione antica tornata prepotentemente in auge negli ultimi tempi.
Atmosfere lussureggianti, a volte con effetto trompe-l’oeil, piene di felci, kenzie, palme e piante dalle foglie enormi, animali esotici come scimmie, leopardi, tucani, pappagalli e fenicotteri si trovano su oggettistica di ogni tipo, tessuti di arredo e, per l’appunto, carte da parati.

Qui i colori sono vividi, esagerati, con un trionfo di verdi in tutte le loro sfumature. È uno stile fastoso adatto a chi ama osare senza paura di usare i colori e che ha la possibilità di valorizzare questo tipo di soluzione décor su pareti di grandi dimensioni.

Carte da parati "Jungle"

Carte da parati in stile “Old England”

Quando pensiamo ad uno stile di arredamento inglese, immaginiamo il fascino del tipico cottage di campagna, dove il calore del legno si accompagna a tessuti e carte da parati perfettamente coordinati, seduti in una comoda poltrona mentre sorseggiamo il the delle cinque.

Un contributo fondamentale a questo stile di arredamento lo diede lo scrittore e pittore inglese William Morris, considerato un antesignano dei moderni designer, che a fine Ottocento contribuì a fondare il movimento Art&Craft, con l’obiettivo di coniugare la spinta dello sviluppo industriale con l’estetica dell’artigianato di qualità.

Celebri i suoi tessuti e le carte da parati a tema floreale, con fitte trame ripetute piene di rami, foglie, frutta e piccoli uccelli nei colori nei toni dei verdi, degli azzurri e dei gialli.
Sono carte da parati e tessuti adatti a chi ama uno stile un po’ vintage, seppur rivisitato in chiave moderna.

Carte da parati Morris&Co.

Foto Morris&Co.

Oltre ai motivi Morris&Co., sono soprattutto gli ambienti più country a vedere il trionfo delle fantasie floreali: cascate di minuscoli fiorellini, di edera lussureggiante, di rose in boccio o di peonie dai colori sgargianti, o le fantasie “toiles de Jouy” (con scene bucoliche e paesaggi agresti) possono trasformare la casa in un rigoglioso giardino.

Se ti piacciono gli elementi décor floreali per la tua casa, ti proponiamo i nostri racconti sulle lampade Tiffany e l’Art Nouveau, sulle stampe botaniche che riproducono gli antichi erbari e sui giardini verticali.
Buona lettura!

Foto di apertura di Rawpixel, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 Media dei voti: 5,00 su 5)
loadingLoading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *