Le candele naturali, la luce del Natale

ghirlanda di candele bianche di Natale
Le candele, simbolo cristiano e di invocazione al ritorno della primavera, sono sempre presenti a Natale. Scopri come scegliere candele amiche dell’ambiente.
Le candele natalizie, spesso decorate con simboli come stelle, alberi o campanelli, sono un elemento iconico nell’arredamento delle case durante le festività. Posizionate su tavoli, davanzali o mensole, queste candele contribuiscono a creare un’atmosfera festosa e riflettono la gioia e la spiritualità del periodo. Vieni con noi di Floralist alla scoperta del loro significato associato al Natale e di come realizzarle in casa con ingredienti naturali.

Indice: le candele naturali e il Natale

Segui Floralist sui Social!

Le candele di Natale

Le candele nel periodo invernale sono da sempre il punto di incontro tra la simbologia pagana e quella cristiana.

Per le popolazioni del Nord Europa, soprattutto germaniche, collocare piccole fiaccole intorno a piante sempreverdi come l’abete era un rito celebrativo della fine dell’inverno, un’invocazione al ritorno della primavera e alla fertilità della terra.

Queste usanze pagane si integrarono poi con quelle di origini cristiane, in cui la candela simboleggiava invece la luce di Cristo. Per questo motivo è rimasta l’usanza di accendere 4 candele per il periodo dell’Avvento (una ogni settimana nelle quattro domeniche che precedono il Natale) e una quinta che resta accesa durante la notte della Vigilia.

Attenzione alle candele economiche!

Tutti ne abbiamo di ogni forma e colore dentro casa. Ma non tutte le candele in realtà sono uguali.
La maggior parte di quelle oggi in commercio, spesso economiche, sono realizzate con la cera di paraffina, uno scarto della lavorazione del petrolio: i fumi che vengono emessi sono tossici e pericolosi per le vie respiratorie, oltre a rilasciare fibre di carbonio che si depositano dentro casa.

Attenzione anche ai prodotti in gel, che sono esteticamente affascinanti, ma anch’essi potenzialmente nocivi.

Le candele naturali

Immagina di immergerti in un laboratorio dove l’arte e la scienza si fondono per creare una candela unica. Le candele fatte a mano sono il risultato di un processo artigianale che utilizza ingredienti naturali, completamente atossici e sicuri, come cera d’api (controlla che sull’etichetta sia indicato “100% cera d’api”), cera di soia, olio di cocco e oli essenziali. Questi elementi non solo offrono una combustione più pulita e senza tossine, ma emettono profumi delicati che avvolgono l’ambiente in una nota di naturalezza. Vengono plasmate con cura, assumendo forme uniche e accattivanti che le rendono non solo fonti di luce, ma anche pezzi d’arte che impreziosiscono gli spazi domestici.
14 candele cera api
Inoltre, bruciano in modo pulito e molto più a lungo (hanno spesso anche uno stoppino “green”, realizzato in cotone, da preferire agli stoppini tradizionali che possono contenere piombo) e rilasciano nell’aria una fragranza naturale che può essere esaltata dall’aggiunta di oli naturali profumati, che hanno proprietà rilassanti e anti-stress. L’accensione di una candela profumata al limone, alla lavanda o alla cannella può trasformare istantaneamente l’atmosfera, donando un sollievo sensoriale e un tocco di freschezza all’ambiente.

Come realizzarle in casa?

Se vuoi divertirti a realizzare in casa una candela naturale, ti consigliamo di partire da fogli di cera d’api (o, se preferisci, puoi utilizzare rimasugli di ceraa, per un effetto marmorizzato e colorato).

Poi dovrai munirti di stoppini (vanno bene quelli cerati con la base in alluminio), stampi in silicone, pentolini per sciogliere a bagnomaria la cera, cucchiai di legno e oli essenziali.

Con tutto l’occorrente sotto mano, puoi procedere così:

1 Scogli a bagnomaria, a fuoco basso, la cera e, se ti piace, aggiungi qualche goccia di olio essenziale.

2 Quando la cera sarà sciolta, immergi per qualche secondo lo stoppino e poi mettilo da parte ad asciugare, su carta stagnola o da forno.

3 Quando la cera avrà raggiunto una temperatura di circa 80°, colala negli stampi in silicone precedentemente oliati, avendo immerso lo stoppino che dovrà restare in posizione eretta e, parzialmente (1-2 cm), fuori dalla colata di cera liquida.

4 Una volta raffreddate e solidificate, rimuovi le candele dagli stampi. Saranno pronte all’uso!

In conclusione, ogni candela, con la sua fiamma danzante, porta con sé un’essenza di calore e intimità, trasformando una stanza in un rifugio accogliente.

Foto di apertura Ralf Oreskovic da Pixabay 

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle Vota l'articolo!
loadingLoading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *