8 piante per il tuo smart working

Schermo PC con Floralist e pIante per lo smart working
Che tu sia ancora in smart working o abbia comunque un angolo office in casa, queste le 8 piante giuste per un ambiente rilassante e salutare.

Alcuni di noi sono ancora in smart working, per cui  abbiamo pensato: perché non rivedere insieme come creare un angolo office con le piante giuste, in modo da poter lavorare in un ambiente che ci rilassa e ci fa stare bene?

Vediamo dunque qualche idea.

Indice: le piante per l'angolo office

Segui Floralist sui Social!

Perché scegliere piante per la postazione lavoro?

Gli esperti ci dicono che le piante hanno molti effetti benefici, tra cui i più importanti sono:

  • Purificano l’aria, eliminando le tossine presenti nell’ambiente e rilasciando ossigeno
  • Umidificano l’aria, che risulterà quindi meno secca
  • Riducono lo stress, perché contrastano la cosiddetta “Sick Building Syndrome”, ossia un insieme di malesseri (mal di testa, stanchezza, allergie, ecc…) che proviamo quando restiamo a lungo in un luogo chiuso

Dove posizionare le piante per il nostro smart working?

Questo dipende ovviamente da dove sei lavori abitualmente. Se la tua postazione è il divano o la poltrona, è probabile che intorno a te avrai un certo spazio dove collocare le piante, anche di grandi dimensioni, per un effetto “jungle”, che ultimamente va molto di moda anche nell’home décor. In questo caso potresti collocare le piante anche su carrelli con rotelle, per agevolare lo spostamento per le pulizie.

Se invece, come accade più frequentemente, per il tuo smart working hai scelto una scrivania o un tavolo, hai due soluzioni principali: puoi posizionare i vasi con le piante, più piccoli e facilmente spostabili, direttamente sul piano, oppure se hai di fronte a te pareti attrezzate o mensole, puoi collocarle lì, magari scegliendo varietà che tendono a scendere a cascata.

In ogni caso, ti consigliamo di posizionare le piante vicino alle finestre (ma attenzione ai colpi d’aria fredda!), per una migliore illuminazione, e quanto più possibile lontane dai termosifoni.

Quanti vasi mettere nel nostro angolo green?

Ricordati che parliamo di una postazione lavoro, che deve restare sempre pulita e ordinata! Quindi il consiglio è di associare non più di 2-3 piante, magari giocando sullo stile dei contenitori e dei vasi, o sulle forme e sulle altezze delle piante, per dare un po’ di movimento.

Quali piante scegliere?

E per finire, la domanda più importante: quali piante sono più adatte per la nostra postazione in smart working?
Se ti piacciono le piante a cascata, ti consigliamo il potos e il clorofito, particolarmente indicate per la facilità di gestione e perché purificano l’aria.

Pianta Clorofito per lo smart working

Clorofito

Se invece le vuoi posizionare sulla scrivania, allora puoi scegliere due soluzioni diverse dal solito, ossia i terrari (ne abbiamo parlato qui) e le piante in idrocoltura, che crescono quindi solo in acqua, senza terra.

Terrario, per lo smart working

Terrario

Infine, se hai più spazio a disposizione e puoi collocare i vasi in terra, hai solo che l’imbarazzo della scelta: la kenzia, il ficus benjamin, lo spatafillo, la sansevieria, la monstera (la pianta più amata da Frida Kahlo, come ti abbiamo raccontato nel racconto speciale dedicato alla celebre pittrice messicana), il filodendro, l’euforbia canarino.

Pianta Monstera, per lo smart working

Monstera

Come curarle?

Anche se collocate all’interno, ricordati che le piante si impolverano; per questo motivo ti suggeriamo, periodicamente, di pulire le foglie con un panno umido.
Inoltre, per quanto riguarda l’acqua, la regola è sempre la stessa: non bisogna mai esagerare, perché c’è il rischio di far marcire la pianta, che invece va bagnata solo quando vedi che la terra è asciutta.

E tu, lavori ancora in smart working? Com’è fatta la tua postazione? Hai creato uno spazio green intorno a te? Ci fa piacere conoscere la tua esperienza, se vuoi raccontarcela nei commenti in basso. E se ti è piaciuto questo articolo, lasciaci un voto o condividilo! Grazie!

Foto di apertura di Teona Swift, da Pexels.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 Media dei voti: 5,00 su 5)
loadingLoading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *