14 piante strane da paura!

Piante strane da paura: ragnatela su un ramo
Nel mondo ci sono piante strane davvero impensabili: abbiamo raccolto le 14 più particolari e... mostruose!

La natura ci sorprende con piante strane, fiori dalle forme più insolite e funghi curiosi e, in alcuni casi, dall’aspetto davvero spaventoso…

Noi di Floralist abbiamo tirato fuori la nostra anima “dark” ispirandoci a Morticia Addams (ricordi, tagliava tutti i boccioli di rosa lasciando nel vaso solo gli steli con le spine…).

Guarda quante piante strane abbiamo trovato, scopri le loro caratteristiche!

Indice: le piante strane più incredibili!

Segui Floralist sui Social!

Piante strane a forma di animali

L'orchidea "scimmia"

Piante strane: l'orchidea a forma di scimmia

La rara Dracula simia, conosciuta anche come “orchidea scimmia“, originaria delle foreste umide del Sud America, cattura l’immaginazione di botanici e appassionati di piante di tutto il mondo.

I suoi fiori, infatti, sono una meraviglia della natura: hanno petali che assomigliano a labbra e naso e una colorazione che richiama il pelo di una scimmia, per un incredibile adattamento mimetico sviluppato nel corso dell’evoluzione che attira specifici insetti impollinatori.
Oltre al suo aspetto insolito, la Dracula simia emette un profumo delicato che ricorda il cioccolato, rendendola ancora più affascinante per chi ha la fortuna di incontrarla nella sua habitat naturale o in coltivazione.

Orchi, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

L'orchidea "airone"

Piante strane: l'orchidea a forma di airone

L’orchidea Pecteilis radiata, conosciuta anche come “orchidea airone”, è una meraviglia botanica che incanta con la sua bellezza esotica e il profumo delicato.

Originaria di habitat erbosi e boschivi dell’Asia, si distingue per il suo fiore unico, che ricorda un airone in volo.

I suoi petali bianchi che si aprono a ventaglio, adornati da striature viola e gialle, creano un effetto visivo stupefacente.

Oltre alla sua bellezza estetica, la Pecteilis radiata ha anche un significato simbolico in diverse culture. In Giappone è considerata un simbolo di grazia, nobiltà e dignità, mentre in Cina è associata alla ricchezza e alla prosperità.

Sunoochi, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

L'orchidea "fior di vespa"

Piante strane: l'orchidea a forma di ape che ride

L’orchidea Ophrys apifera (“ape che ride”) è una delle specie più affascinanti del genere Ophrys.
Originaria dell’Europa e dell’Africa settentrionale, questa straordinaria orchidea si distingue per la sua sorprendente somiglianza con un’ape femmina in volo, sia per la forma che per il colore dei suoi petali.

Le sue infiorescenze, di solito di un colore che va dal rosa al viola, sono caratterizzate da un labello sfaccettato e vellutato, che ricorda il corpo di un’ape, mentre le macchie marroni e gialle imitano alla perfezione le ali e l’addome dell’insetto.
Questo stratagemma mimetico è mirato a ingannare gli insetti impollinatori, spingendoli all’impollinazione del fiore.

Hüseyin Cahid Doğan, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La pianta "pipistrello"

Piante strane: l'orchidea a forma di pipistrello

La Tacca chantrieri (“pianta pipistrello”) cresce in habitat umidi e ombrosi delle regioni tropicali dell’Asia sud-orientale.

Molto amata dagli appassionati di piante strane ed esotiche per la sua aura di mistero e fascino, affascina con i suoi fiori insoliti, che assomigliano a piccole creature notturne: di colore tendente al nero (l’abbiamo inserita per questo nella nostra selezione speciale di fiori neri!), ricordano le orecchie e le ali di un pipistrello in volo.

La sua fioritura avviene generalmente durante la stagione delle piogge, quando i suoi fiori scuri emergono dalle foglie larghe e coriacee, creando uno spettacolo unico nella foresta tropicale.

Paul Fisk from Salt Lake City, UT, USA, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

L'orchidea "polipo"

Piante strane: l'orchidea a forma di polipo

L’Orchidea Catasetum, proveniente dalle regioni tropicali dell’America centrale e del Sud America, si distingue per la sua capacità di adattarsi a una varietà di habitat.

Ha un sistema riproduttivo altamente specializzato: le piante maschili producono fiori ricchi di polline, mentre quelle femminili sviluppano fiori in grado di ricevere il polline per la fecondazione.

Uno degli aspetti più straordinari è il loro meccanismo di impollinazione. Quando un insetto si posa sul fiore maschile, il lobo del fiore può scattare improvvisamente, sparando il polline verso l’insetto e assicurando così la sua dispersione su altri fiori.

Alex Popovkin, Bahia, Brazil from Brazil, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Piante strane con forme antropomorfe

L'orchidea "uomo nudo"

Piante strane: l'orchidea a forma di uomo nudo

L’Orchidea italica (o “uomo nudo”) prospera nei climi mediterranei e temperati dell’Europa meridionale e dell’Africa settentrionale.

Caratterizzata da una spiga densa con piccoli fiori al vertice, si distingue per il suo colore vivace, spesso variando dal rosa al viola intenso.
La sua struttura floreale compatta, che assomiglia al corpo di un uomo, e la sua crescita robusta la rendono una presenza notevole nei prati.

Puoi ammirarla nelle radure e perfino lungo i bordi delle strade e svolge un ruolo cruciale nella rete alimentare e nella salute degli ecosistemi in cui cresce, fornendo habitat e nutrimento per una varietà di insetti impollinatori e altri organismi.

CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Il fiore dell'"alieno felice"

Piante strane: l'orchidea a forma di alieno che ride

La Calceolaria uniflora affascina con i suoi fiori distintivi e colorati. È nota come “pantofola di Venere” (per i suoi fiori gialli, arancioni, rossi e persino viola a forma di piccole pantofoline, che si aprono su steli slanciati) ma ricorda anche un extraterrestre che sorride, cosa che la rende una delle piante strane più buffe in assoluto!

Originaria delle regioni montuose dell’America del Sud, questa pianta predilige habitat montuosi e freschi, dove prospera grazie alla sua capacità di adattarsi a temperature più fredde e condizioni climatiche variabili.

La sua fioritura avviene generalmente in primavera e all’inizio dell’estate, quando i suoi fiori luminosi emergono dalla vegetazione circostante, creando uno spettacolo di colore e bellezza.

Butterfly voyages Serge Ouachée, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

La pianta di "Guerre stellari"

Piante strane: l'orchidea a forma di Guerre Stellari

La Aristolochia salvadorensis nasce nelle regioni tropicali dell’America centrale.

Ha fiori a forma di pipa o trombetta con una colorazione verde e marrone e striature variabili, che si sviluppano su rampicanti robusti. Guardandola con attenzione il suo “casco” viola ricorda il personaggio di Guerre Stellari Darth Vader, non ti sembra…?

Questa struttura floreale insolita è progettata per attirare specifici insetti impollinatori, che si insinuano all’interno del fiore alla ricerca di cibo e si trovano intrappolati, consentendo così l’impollinazione.

Hyo-tan, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La pianta del "teschio"

Piante strane: l'orchidea a forma di teschio

L’Antirrhinum, comunemente conosciuto come “bocca di leone”, è una pianta erbacea nota per i suoi fiori caratteristici a forma di bocca, di varie tonalità di colore, che si aprono e si chiudono al tocco, offrendo uno spettacolo dinamico nel giardino.

La caratteristica per cui l’abbiamo inclusa nella galleria delle piante strane perché ha fiori colorati simili a due labbra che, morendo, avvizziscono e ingrigiscono, divenendo simili a teschi.

L’Antirrhinum è una pianta facile da coltivare e si adatta a una vasta gamma di condizioni climatiche e di terreno.

BARAKAT2011, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La pianta "occhi di bambola"

Piante strane: l'orchidea a forma di occhi di bambola

L’Actaea pachypoda (“occhi di bambola”) è una pianta selvatica nativa dell’America settentrionale che si distingue per la sua bellezza e la sua tossicità (fai attenzione se hai bambini o animali in casa!).

Una delle caratteristiche più sorprendenti dell’Actaea pachypoda è il suo accattivante frutto, una bacca bianca opaca circondata da una serie di piccole macchie rosse, simili ai bulbi oculari delle bambole infilzati.

Questa particolare combinazione di colori le conferisce un aspetto unico e attraente, rendendola una presenza distintiva nei boschi e nei giardini in cui cresce.

Meneerke bloem, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Piante strane carnivore e funghi

La pianta "cobra"

Piante strane: la pianta carnivora a forma di cobra

La Darlingtonia californica (“pianta cobra”) è una pianta carnivora unica e affascinante che si trova principalmente nelle torbiere e nelle paludi della California settentrionale e dell’Oregon.

Questa pianta carnivora si distingue per l’aspetto che ricorda un serpente con la bocca spalancata.

Questa caratteristica distintiva non solo attira l’attenzione degli amanti delle piante strane, ma ha anche un’importanza funzionale nell’attrarre le prede. Le foglie sono dotate di finestre traslucide e peli all’interno che indirizzano gli insetti verso il basso nella foglia, dove annegano nell’acqua e vengono digeriti dagli enzimi della pianta.

NoahElhardt (talk · contribs), CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Il fungo a forma di "bocca"

Piante strane: la pianta parassita a forma di bocca
Il Clathrus archeri, noto comunemente come “fungo polpo” o “dita del diavolo”, è una delle specie più sorprendenti e bizzarre del regno fungino. Originario di Australia, Tailandia e Nuova Zelanda, questo fungo si distingue per la sua forma straordinaria che ricorda un polpo o una mano dai tentacoli spettrali che emergono dal terreno. L’odore particolarmente sgradevole di questo fungo attira mosche e altri insetti, che fungono da agenti di dispersione per le spore nell’ambiente circostante per germinare e avviare nuove colonie fungine. Seth, CC BY 4.0, via Wikimedia Commons

Il fungo "dita del diavolo"

Piante strane: fungo a forma di tentacoli di polpo

Il Clathrus archeri è chiamato anche “fungo polpo” o “dita del diavolo”. Originario di Tasmania, Tailandia e Nuova Zelanda, produce un uovo gelatinoso con tentacoli che fuoriescono simili alle dita del diavolo, tanto da sembrare un polpo fuoriuscito dal terreno.

Vive sulle sostanze organiche in decomposizione ed emana un odore orribile, attirando mosche carnarie e insetti che si nutrono di carne putride e si adagiano sui suoi tentacoli gelatinosi raccogliendo le spore per poi diffonderle.

leonlobo, CC BY 4.0, via Wikimedia Commons

Il fungo "dente bilioso"

L’Hydnellum peckii, comunemente noto come “fungo sanguinante”, cresce principalmente nelle foreste di conifere, spesso nascosto tra l’umido strato di aghi e detriti.

È caratterizzato da un cappello spugnoso e zigrinato, di solito di colore rosso intenso o viola, che secerne una sostanza rossastra simile a sangue dai pori del cappello, dando così l’illusione di sanguinare quando viene disturbato o toccato.

Questo fenomeno è il risultato della presenza di pigmenti rossi e composti chimici specifici nel tessuto del fungo.

Bernypisa, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Piante strane: il fungo "bilioso"

In definitiva, il mondo delle piante strane è un affascinante viaggio nell’eccentricità della natura.
Queste creature mostruose e insolite ci ricordano che la bellezza può manifestarsi in forme inaspettate e che, anche nell’apparentemente familiare, c’è sempre spazio per la meraviglia e la sorpresa!

Se ti è piaciuto il nostro racconto, dacci un voto oppure condividilo.
Grazie!

Foto di Jan Haerer da Pixabay

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (2 Media dei voti: 2,00 su 5)
loadingLoading...

4 commenti su “14 piante strane da paura!”

  1. Hоwdy, There’s no doubt that your blog may be һaving weЬ browser compatibility problems.

    Whenever I take a look at your site in Safari, it ⅼooks fine h᧐wever, when opening in Internet Eⲭploreг, it’s got some overlapping issues.

    I just wanted to give you a quicҝ heads սp!
    Aside from tһat, wondeгful ѕіte!

I commenti sono chiusi.